martedì 26 agosto 2014

Signor Sindaco di Fasano ( BR ) Lello Di Bari, legga come si tutelano i marò... e ne prenda esempio


26 agosto 2014 giorno 919 di sequestro !


Una volta scoppiò un incendio nella foresta, tutti gli animali fuggivano impauriti e mentre impazzava il caos il Leone vide un colibri' che volava in direzione delle fiamme portando nel suo minuscolo becco una goccia d' acqua, stupito lo apostrofò :
 " pazzo dove vai con quella goccettina d' acqua nel becco ? "
il colibri' prosegui imperterrito nel suo volo e dopo aver versato la minuscola goccia sul fuoco rispose cosi' al leone :
" io faccio la mia minuscola parte e voi cosa aspettate a fare la vostra ? se tutti versiamo acqua sulle fiamme prima o poi l' incendio sarà domato e potremo tornare tutti nella foresta ! "
il leone stupito dal coraggio del piccolo colibri' fermò tutti gli animali e insieme spensero l' incendio....




Egregio Signor Sindaco del comune di Fasano Lello Di Bari, dopo che Lei ha replicato alle critiche riservate sulla sua persona riguardo al matrimonio della figlia del " magnate indiano " che si svolgerà nel suo territorio di competenza, mi è gradito l' occasione per rinfrescarLe  la memoria al riguardo...  ecco le sue scusanti :

"Ad oggi non ho ricevuto alcun invito ufficiale - spiega -. Se sarò invitato ci andrò per dovere di cortesia istituzionale. Mi è stato suggerito di presentarmi con un fiocchetto giallo ma l'Amministrazione Fasanese ha già dimostrato di essere vicino ai due nostri ragazzi prigionieri ingiustamente in India. Il governo centrale non è ancora riuscito a risolvere la questione. Come si può pretendere che possa farlo un piccolo sindaco di provincia come il sottoscritto?".

fonte :  http://www.osservatoriooggi.it/notizie/attualita/9201-matrimonio-indiano-nessuna-spesa-comune-fasano#sthash.E4V0K5oC.dpuf


E questo è quello che è successo recentemente :


Il presidente della Provincia di Lecco, Daniele Nava il 6 Febbraio 2014 negò l' autorizzazione ad usare una villa per le riprese di un film di Produzione Indiana, per la precisione Villa Monastero di Varenna, una delle perle del Lago di Como con la seguente motivazione :

" prima vengono i diritti umani e il rispetto delle persone, poi i vantaggi di immagine ed economici che sicuramente un film girato sul lago porterebbe. Su questo non transigo. In questo momento l' india è un paese che non rispetta le norme del diritto internazionale visto che tiene detenuti i nostri connazionali Latorre e Girone da oltre due anni in attesa di giudizio "

ed ancora dopo la pioggia di elogi sul suo profilo Facebook :

" mi fa enorme piacere che questo rifiuto ad autorizzare le riprese di un film indiano a Villa Monastero sia stato compreso nel suo reale significato, la vicenda dei due Marò è un oltraggio all' Italia "

 ed ancora :

" da rappresentante di un istituzione pubblica mi sembra doveroso ribadire la nostra vicinanza ai nostri due connazionali attraverso un gesto forte, che rappresenta un ulteriore occasione  per lanciare un messaggio anche alla società civile indiana, sono consapevole che il mio gesto è una goccia in mezzo al mare, ma auspico che  le sollecitazioni che potranno derivarne, insieme alle diverse azioni intraprese su più fronti e da più soggetti, possano contribuire a una soluzione definitiva della vicenda "

per la cronaca era il febbraio 2014, ed inoltre la persona che si vede in foto in testa a questo articolo sono io lo scorso marzo vicino alla camera di commercio di Bari, con il mio piccolo modesto contributo...

ne prenda esempio Signor Sindaco, ne prenda esempio...

La Vera Italia li riporterebbe a casa, glielo assicuro !

Nessun commento:

Posta un commento