mercoledì 2 agosto 2017

Vaccini: VACCINI: 'E FATEVI QUESTE DANNATE INIEZIONI'


Il titolo sopra è una citazione verbale presa da un qualsiasi medico televisivo gravemente disinformato, da troll e celebrità pagate che si sono allegramente unite alle campagne popolari sponsorizzate da CDC, WHO, AAP, AAFP e AMA che hanno denigrato (e quindi fatto infuriare) i testimoni delle centinaia di migliaia di neonati, bambini, adulti e militari ipervaccinati, danneggiati, resi disabili o uccisi dai vaccini.

Particolarmente infuriati sono i genitori, i fratelli, i vicini e altri conoscenti delle vittime del vaccino, perché conoscono per certo che i vaccini hanno avvelenato i loro cari perchè hanno visto ciò che accadeva davanti ai loro occhi.

Questi testimoni conoscevano la verità, anche se i loro medici (e soprattutto i pediatri) e le loro strutture sanitarie si rifiutarono di ascoltarli e spesso si infuriavano di fronte al loro rifiuto di accettare la "coincidenza" come causa della catastrofica malattia indotta dal vaccino che improvvisamente aveva trasformato il proprio bambino normale in un malato cronico o in un morto.
I genitori ben informati stanno cominciando a capire - nonostante le aggressive campagne di propaganda di Big Pharma, Big Medicine e Big Media - che i vaccini non sono necessariamente sicuri. E in effetti stanno vedendo che possono essere letali.

Molti genitori stanno cominciando a vedere che i vaccini non sono necessariamente efficaci a lungo termine. Contrariamente alle infezioni naturali dell'infanzia che danno un'immunità permanente, i vaccini per le infezioni lievi come il morbillo, la parotite e la varicella richiedono frequenti richiami per fornire almeno in teoria una immunità parziale.
I genitori che non riescono ad ottenere informazioni dettagliate sui programmi di iper-vaccinazione del CDC e AAP dalle loro strutture sanitarie hanno dovuto fare una propria ricerca sulla neurotossicologia, e stanno cominciando a rendersi conto (non grazie al loro medico, troppo occupato e relativamente disinformato) che i vaccini che sono previsti per i loro preziosi bambini contengono una cocktail di ingredienti neurotossici. Quasi tre iniezioni in una sola seduta dovrebbero entrare nei minuscoli muscoli di 6 o 8 o 10 libbre di bambini dai 2, 4 e 6 mesi. Queste iniezioni possono contenere virus vivi, alluminio, mercurio o contaminanti involontari, che tutti i produttori di vaccini ammettono possono causare infiammazione o infezione a livello cerebrale.
fonte http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=5903
Ministero della Salute

Nessun commento:

Posta un commento